Sviluppo4d.it
Sito indipendente di informazioni tecniche per sviluppatori 4th Dimension italiani  

Sviluppatori 4D

Utility 4D

Risorse 4D



4d logo
Naviga: Prev Next

Titolo: 4d e PHP: un esempio concreto

Categoria: Codice Ultimo Aggiornamento: 25/07/06


Con questo articolo voglio estendere quando gia' descritto nell'articolo di
Serena Zanfini sull'integrazione di 4D ed il linguaggio PHP (il link
dell'articolo e'
http://www.sviluppo4d.it/4DCGI/Detail_FAQ_Display?ID=190 ).

Tipicamente, in molti progetti di siti web, si utilizzano pagine dinamiche PHP per
interfacciarsi ad un database SQL, tipicamente MySQL (basti pensare ai numerosi
pacchetti di installazione di Apache+PHP+MySQL che ci sono in rete: xampp, easyphp, ...).

Tipicamente il linguaggio PHP fornisce i costrutti per interfacciarsi a questi
database, ma questo non accade per 4D. E non esiste neache una soluzione del tipo
"4D Open for PHP".

E possibile pero' accedere ai dati di 4D pubblicando alcune procedure come Web Services,
tramite SOAP (Simple Object Access Protocol, i dettagli li trovate all'indirizzo
www.w3.org/TR/soap/).

Ovviamente non e' necessario che WebServer e 4D siano installati sulla stessa
macchina, descrivero' in seguito tale dettaglio.

Innanzitutto dovete avere una macchina con Apache e PHP installati: se siete in
ambiente Mac OS X potete usare anche l'installazione fornita con il sistema altrimenti
potete utilizzare i pacchetti forniti da Server Logistics (http://www.serverlogistics.com/)
che sono semplicissimi da installare. Se invece il vostro WebServer deve
essere installato in ambiente Windows, potete usare Xampp (http://www.apachefriends.org/en/xampp.html)
o EasyPHP (http://easyphp.org).

A questo punto potete procedere alla configurazione del database 4D.

Quello che vi serve e' innanzitutto la licenza Web di 4D oppure la licenza per il
solo modulo Web Services.

Per quanto riguarda la configurazione del Web Server, vi consiglio di impostare il
numero della porta attraverso la finestra delle Preferenze. Personalmente ho impostato
tale porta al numero 5200. Mettete anche la spunta su "Publish Database as Startup", in modo
da non dover avviare il Web Server tutte le volte a mano. Per quanto riguarda i
Web Services, mettete la spunta su "Allow Web Services Requests".

Per creare un nuovo Web Service e' sufficiente creare un nuovo metodo, sia esso
wsTest. Per questo metodo vanno impostate le proprieta' "Offered as a Web Service" e
"Published in WDSL". Ora possiamo scrivere un normale metodo che accetta argomenti e
restituisce un valore, poi va' inserito del codice opportuno in modo che tali parametri
siano accettati. Sia wsTest il nodi di questo metodo.

Prima di descrivere quali modifiche fare al metodo rispetto alla forma standard,
descriviamo il codice PHP per interagire con tale metodo o Web Service.

E' necessaria un libreria PHP che si chiama NuSOAP, liberamente scaricabile
dal sito web http://dietrich.ganx4.com/nusoap/ dove e' disponibile anche la documentazione.
Il file della libreria, nusoap.php, va incluso nel codice della pagina PHP che
fa' la chiamata al server 4D. Personalmente ho copiato questo file all'indirizzo
/include del Web Server, in modo da non aver problemi con i percorsi per
l'inclusione: infatti per includere la libreria utilizzo il comando:

require_once($_SERVER['DOCUMENT_ROOT'].'/include/nusoap.php');

Inoltre, come avevo accennato in precedenza, per essere indipendenti dall'host dove
risiede il server 4D, ho definito un file INI, che ho chiamato config.ini cosi' strutturato:

[Principale]
4DServerIP = 192.168.10.5
4DServerPort = 5200
WebServerIP = 192.168.10.5

Questi parametri vengono letti tramite la funzione parse_ini_file di PHP, che trasforma
questo file in un array associativo.

Siamo ora in grado di comprendere il seguente codice PHP:

$config = parse_ini_file("config/config.ini");
// faccio la chiamata al server 4D per avere il controllo dell'username
// e della password
require_once($_SERVER['DOCUMENT_ROOT'].'/include/nusoap.php');
$sc = "http://".$config['4DServerIP'].":";
$sc.=$config['4DServerPort']."/4DSOAP";
$soapclient = new soapclient($sc);
$parameters = array('username'=>'mionome', 'password'=>'miapassword');
$ret = $soapclient->call('wsTest',$parameters);
unset($soapclient);
If (!$ret) {
print "Errore SOAP:" . $soapclient->getError() . '\n

';
exit;
} Else {
print "Funziona!";
}

Come e' evidente in questa piccola porzione di codice, e' stato definito una array
associativo i cui campi sono 'username' e 'password', la chiamata e' effettuata
tramite la call. Il fatto che il PHP sia flessibile con i tipi ci avvantaggia un po'
per quanto riguarda la variabile del risultato, l'unica cosa che dobbiamo controllare
e' che non ci sia stato un errore nella chiamata del Web Service.

Il metodo wsTest che viene eseguito e' il seguente:

    `
    `Autenticazione
    `
    `Parametri:
    `$0 TEXT- risultato
    `$1 TEXT- username
    `$2 TEXT- password
C_TEXT($0)
C_TEXT($1)
C_TEXT($2)
SOAP DECLARATION($0;Is Text ;SOAP Output )
SOAP DECLARATION($1;Is Text ;SOAP Input ;"username")
SOAP DECLARATION($2;Is Text ;SOAP Input ;"password")
ALL RECORDS([Utenti])
QUERY([Utenti];[Utenti]UserID=$1)
If (Records in selection([Utenti]) # 1)
$0:="Utente o password errata."
Else
FIRST RECORD([Utenti])
If ([Utenti]Password = $2)
$0:="Ok"
Else
$0:="Utente o password errata."
End if
End if


E' facile notare che la dichiarazione dei tipi dei parametri precede quella
della dichiarazione SOAP, in modo da poter usare questa funzione non necessariamente
attraverso una chiamata SOAP.
I tipi di dato della dichiarazione SOAP possibili sono (il testo che va' inserito nella
dichiarazione):

Is BLOB
Is Boolean
Is Integer
Is LongInt
Is Real
Boolean array
String array
Date array
Integer array
LongInt array
Real array
Text array
Is Text
Is Date
Is Time
Is String Var

L'ultimo campo della dichiarazione SOAP deve essere il nome della variabile
nell'array associativo definito in PHP. Se decidiamo di ottenere piu' di una
variabile in uscita, nel codice PHP bastera' aggiungere varie dichiarazioni di SOAP Output,
ed il risultato in PHP sara' un array associativo (che prende i nomi delle variabili
cosi' come definiti in 4D).

Un ultima nota di questo articolo va' fatta per quanto riguarda il timeout della
chiamata SOAP. Infatti, se utilizzate il debug per testare il vostro codice,
puo' darsi che durante l'esecuzione passo passo del codice 4D vada in timeout la
chiamata SOAP (tipicamente dopo 60 sencodi, ma non sono sicuro).
E' possibile pero' impostare questo tempo di timeout, in modo da provare il nostro
codice "in tranquillita'", tramite il comando 4D:

SET WEB SERVICE OPTION(Web Service HTTP Timeout;120)

Vi consiglio di inserire questo codice all'avvio dell'applicazione 4D e rimuoverlo
poi prima della compilazione.



Inviato da: Giacomo Sacchetti Visite: 19242

Se accedi con utente e password, puoi aggiungere dei commenti.


Accesso

User: Nuovo
Pass: Accedi

Utenti Registrati

Cerca

Se non trovi le informazioni che cerchi scrivi a aiuto@sviluppo4d.it

4D Principali

4D Discussioni

Faq random


Crediti

Dominio registrato da ZetaNet
Sito realizzato da Nexus srl
4D SQL 11.8.0 offerto da 4D & Italsoftware
Icone di FAMFAMFAM
Moderato da Umberto Migliore
264 utenti registrati

Pagina servita il 26/09/17 alle 04:17:51 Valid HTML 4.01! Valid CSS!

Mutuo Facile, Serie Filmcards, Serie Singloids e altre app di Nexus srl per iPhone e iPad

Cidroid, distributore italiano lettori barcode per Apple iPhone, iPod, iPad della IPC